Google sta ora lanciando una nuova patch per gli utenti di Android 15 Beta, portando la versione alla 2.2. Il nuovo aggiornamento è di dimensioni relativamente più ridotte, ma apporta una serie di nuove correzioni per stabilizzare ulteriormente l’esperienza mentre Android 15 beta si avvicina alla sua versione stabile. Alcune correzioni includono quelle relative alla funzionalità Spazio privato, al cassetto delle app e altro.

Questo aggiornamento minore ad Android 15 Beta 2 (dimensione 54,35 MB su Pixel 8a) con versione 2.2 include le seguenti correzioni:

  • Risolti i problemi rimanenti per cui la creazione di uno spazio privato su un dispositivo per la prima volta rimuoveva le icone delle app dalla schermata iniziale (o dalle schermate iniziali se erano state aggiunte più schermate iniziali).
  • Risolto un problema con la funzione Portafoglio che in alcuni casi impediva il funzionamento dei pagamenti NFC.
  • Risolto un problema per cui il cassetto delle app non si apriva quando si scorreva verso l’alto.
  • Risolto un problema con la modalità di tracciamento NFC che in alcuni casi impediva l’elaborazione dei pagamenti NFC.
  • Risolto un problema per cui a volte i video registrati con HDR a 10 bit avevano una tinta verde.
  • Risolti diversi altri problemi che incidevano sulla stabilità del sistema, sull’interattività e sulla connettività.

A tutti i dispositivi idonei iscritti al programma Android Beta per Pixel verrà offerto un aggiornamento over-the-air (OTA) alla Beta 2.2. Se sei iscritto al programma Beta, vai a Impostazionie quindi toccare SistemaPoi dentro Aggiornamenti software e finalmente dentro Sistema di aggiornamento per verificare l’aggiornamento.

L’ultima patch per Android 15 Beta è stata rilasciata due settimane fa. Inoltre, Google spera di raggiungere la fase di stabilità della piattaforma entro la fine del mese con la Beta 3. Il rilascio della Beta 4 è previsto per luglio o agosto e la versione stabile finale è prevista per quel periodo. Alla velocità con cui Google sta lavorando, crediamo che Google potrebbe lanciare la versione stabile in tempo, e dovrebbe poi essere seguita da altri OEM e si prevede che Android 15 raggiunga la maggior parte dei principali flagship entro la fine dell’anno.


Fonte www.themobileindian.com

Di Luigi M