Meta, come tutte le altre grandi aziende, sta lavorando per portare l’intelligenza artificiale nel mondo attraverso diversi formati. Sembra che Meta, guidato da Zuckerberg, stia ora sperimentando un nuovo tipo di visore che non solo avrà il supporto dell’intelligenza artificiale integrato, ma avrà anche telecamere per poter vedere e interagire con il mondo esterno attraverso capacità di visione.

Secondo un rapporto di “The Information”, fonti vicine allo sviluppo hanno riferito alla pubblicazione che i dispositivi audio basati sull’intelligenza artificiale sarebbero in grado di identificare oggetti e avranno la capacità di tradurre le lingue straniere in tempo reale. Attualmente, il dispositivo è internamente chiamato “Camerabuds”.

Il rapporto aggiunge inoltre che per esplorare il potenziale di questo nuovo tipo di tecnologia indossabile, Meta ha collaborato con Ear Micro, una società di elettronica con sede nel Kansas specializzata in cuffie “intelligenti”. Inoltre non è chiaro se si tratterà di cuffie sovraurali o in-ear.

Al momento, Meta deve affrontare anche alcune sfide con questi visori IA, come i capelli lunghi che ostruiscono la visuale della fotocamera e problemi di surriscaldamento. Oltre a ciò, ci sono anche problemi di privacy legati all’uso delle fotocamere su questi tipi di dispositivi indossabili.

Meta è noto per la sperimentazione di dispositivi AI indossabili

Meta è un’organizzazione ben nota nel mondo dell’intelligenza artificiale e ha alcuni prodotti che hanno attirato l’attenzione sia dei consumatori generali che degli appassionati di tecnologia. Uno di questi sono i Ray-Ban Meta Smart Glasses che sono stati rilasciati all’inizio dello scorso anno e che avevano anche fotocamere e hanno ottenuto il supporto Meta AI in seguito. Meta stava anche sperimentando smartwatch che utilizzavano doppia fotocamera a un certo punto, ma rapporti successivi affermarono che la società aveva interrotto lo sviluppo di quel progetto.

Potenziali concorrenti

Le cuffie con AI integrata non sono una novità. Abbiamo visto prodotti di questo tipo in passato e l’esempio più recente sono i prodotti audio Nothing e CMF destinati a ricevere il supporto per la modalità vocale ChatGPT la prossima settimana.

Di conseguenza, Meta dovrà affrontare una dura concorrenza se deciderà di entrare nel segmento con le proprie cuffie AI, con il principale elemento di differenziazione rappresentato dal supporto della fotocamera. Sebbene le cuffie della generazione attuale possano supportare l’intelligenza artificiale, non dispongono di fotocamere. Tuttavia, ciò non significa che solo Meta stia lavorando su un prodotto audio del genere. Alcuni rapporti avevano precedentemente suggerito che anche Apple stesse testando cuffie con fotocamera, ma i dettagli su quel progetto sono scarsi.

In ogni caso, sarebbe interessante vedere come funzionerà questa nuova innovazione nel campo dei dispositivi audio portatili per Meta e i suoi concorrenti. Per quanto entusiasmante possa sembrare, pensiamo che ci sia ancora molta strada da fare prima di vedere annunci importanti sulle cuffie dotate di intelligenza artificiale e fotocamera.


Fonte www.themobileindian.com

Di Luigi M