Con un’audace mossa legale, Samsung ha intentato una causa contro il produttore di anelli intelligenti Oura in previsione del lancio del proprio hardware indossabile, il Galaxy Ring. Questa azione è uno sforzo strategico da parte di Samsung per evitare potenziali controversie sulla proprietà intellettuale da parte di Oura che potrebbero oscurare l’ingresso sul mercato del Galaxy Ring previsto per agosto.

La causa di Samsung si presenta come una strategia difensiva per proteggere il suo prossimo prodotto da azioni legali per violazione di brevetti. Oura, nota per la sua forza nel settore degli anelli intelligenti, ha la reputazione di intentare azioni legali contro concorrenti più piccoli nel settore della tecnologia indossabile sfruttando il proprio portafoglio di brevetti, a volte prima ancora che la concorrenza sia entrata nel mercato.

La documentazione legale di Samsung evidenzia un modello di ciò che percepisce come una protezione aggressiva della proprietà intellettuale da parte di Oura, che ha sollevato preoccupazioni su potenziali contenziosi contro il Galaxy Ring. Secondo Samsung, Oura spesso intenta azioni legali sui brevetti contro i concorrenti sulla base di “caratteristiche comuni praticamente a tutti gli anelli intelligenti”. La causa menziona specificamente caratteristiche tra cui sensori, elettronica, batterie e punteggi derivati ​​dai dati dei sensori.

Il produttore di smartphone coreano ha anche evidenziato alcuni casi in cui Oura ha citato in giudizio rivali come Ultrahuman, Circular e RingConn ancor prima che entrassero nel mercato statunitense.

Samsung ha anche citato un’intervista della CNBC con il CEO di Oura, Tom Hale, in cui ha affermato che la società monitorerà il Galaxy Ring di Samsung e “prenderà le misure appropriate”. Per questi motivi, Samsung ritiene che potrebbe essere un obiettivo per le cause legali di Oura.

La causa delinea ulteriormente alcuni dettagli del prossimo Galaxy Ring, come il modo in cui il suo design è stato finalizzato a metà maggio 2024 e la produzione di massa inizierà a metà giugno. Secondo la causa, il Galaxy Ring farà il suo debutto negli Stati Uniti e nel mondo intorno ad agosto, una volta svelato al presunto evento Galaxy Unpacked del 10 luglio.

Si prevede che il dispositivo indossabile includa un punteggio di vitalità, un sensore di frequenza cardiaca ed eventualmente il monitoraggio della pressione sanguigna e il rilevamento della Fib, soggetto ad approvazione normativa. Anche il prezzo indiano e statunitense del Galaxy Ring è trapelato all’inizio del mese scorso.

L’esito di questa causa potrebbe avere importanti implicazioni per il settore degli anelli intelligenti. Una sentenza a favore di Samsung potrebbe non solo aprire la strada al lancio del Galaxy Ring ma anche favorire una maggiore concorrenza e innovazione nel settore.


Fonte www.themobileindian.com

Di Luigi M